È tempo di sfatare un luogo comune: in aereo non si mangia per forza male.

Ok, non parliamo di tutte le compagnie aeree del mondo, ma di quelle che fanno le cose per bene, con passione e professionalità, tenendo conto del benessere dei propri clienti, perfino i più golosi. 😉

Partiamo da una questione scientifica: è stato provato che in volo, a causa di diversi elementi tra cui l’altitudine e l’aria condizionata, il gusto subisce forti alterazioni. Secondo una ricerca della Cornell University, negli Usa, inoltre, il sapore di alcuni cibi in aereo cambia a causa di un fattore inaspettato: il rumore, che negli aerei di linea ha volumi piuttosto elevati, aggirandosi tra gli 85 decibel durante la fase di crociera e i 120 decibel in fase di decollo.

Il gusto dipende dalla percezione sinergica di cinque gusti fondamentali: amaro, aspro, dolce, salato, e l’umami, il misterioso quinto gusto che ha a che fare con la sapidità degli alimenti (e che tanto ci fa amare il sapore del prosciutto, del parmigiano e dei funghi).

Ciò che più risente dell’alterazione di gusto a bordo di un aereo è però il dolce: in volo anche la più elaborata creazione di pasticceria è fortemente penalizzata, al punto di rischiare di assomigliare ad un qualunque budino sugar free confezionato e poco invitante.

Noi — ci perdoni il lettore per questo piccolo moto d’orgoglio — abbiamo provato a rendere l’esperienza gastronomica a bordo un momento di intrattenimento e di piacere con qualche esperimento culinario in alta quota. A tal proposito abbiamo avuto delle collaborazioni importanti con gli chef Simone Rugiati, Alfio Ghezzi e Giancarlo Perbellini e lo scorso Natale tre dei JRE (Giovani Ristoratori Europei), Aurora Mazzucchelli, Leonardo Vescera e Filippo Saporito.

Pensiamo che viaggiare debba essere sempre un piacere per ogni tipologia di viaggiatore. Pensiamo che l’eccellenza gastronomica italiana possa valorizzare anche l’esperienza di un breve volo in aereo, soprattutto quella del “viaggiatore buongustaio” che quando vola con noi non a caso sceglie la business class.

Articoli correlati